Non è economico, ma oh ragazzo, questa è una bici veloce.

Il Takeaway: Epic Pro offre qualità di guida quasi uguali a S-Works Epic in una frazione del prezzo.

  • Sospensione RockShox Brain 2.0
  • Trasmissione SRAM X01
  • Telaio in carbonio leggero con ruote in carbonio, tubeless ready

Peso: 11kg. (taglia XL)

L’Epic Pro è una versione meno costosa della tanto decantata bici XC a sospensione completa S-Works Epic di Specialized, che ha vinto diversi premi Editors Choice per le sue eccezionali prestazioni. Quella bicicletta è praticamente in ogni elenco delle cinque migliori bici da cross country che il denaro può acquistare. L’Epic Pro, tuttavia, è più economico, offrendo quella che sembra una bici XC di classe mondiale per il 60 percento del prezzo della S-Works. Non è economico, ma è un vero valore se stai cercando un’arma da corsa d’élite.

Il sistema di sospensione Brain 2.0 fa sentire questa bici stretta, agile e veloce quando desideri davvero salirci sopra a ritmo di gara. Su terreni più lisci, le sospensioni si irrigidiscono in modo da non sentire un rimbalzo eccessivo, mentre diventano più attivi quando si incontra un terreno più duro. È un’eccezionale capacità di salire come una bici da corsa corta messa a punto XC ma scendere come una bici da pista lunga corsa. Il trucco sono valvole inerziali sensibili che si aprono per consentire il flusso del fluido (insieme alla compressione della sospensione) quando un rigonfiamento, qualcosa di leggero come un’asse per lavare i piatti, fa vibrare i freni.

L’Epic Pro è davvero eccellente e ti farà chiedere perché si dovrebbe spendere 0,020 per le versioni S-Works. Trevor Raab

Le parti e la struttura in carbonio sono un passo indietro rispetto alla S-Works, tuttavia diminuiscono a malapena le prestazioni (a parte l’aggiunta di peso) e sono davvero ottime per il prezzo di acquisto. Se confrontata con le bici a sospensione completa che ho testato di recente, la Norco Revolver FS 1 100 insieme alla BMC Fourtstroke 01 Three, per fare un esempio, questa sembra più sportiva. Insieme all’esperto di Epic, Specialized ti offre ruote in carbonio e un drivertrain SRAM XO1, nessuno dei quali può essere posizionato su questi altri modelli (sebbene la BMC ti dia un reggisella telescopico, che potrebbe essere un vantaggio su terreni più accidentati). L’Epic Guru, al contrario, offre una guida più veloce e più nitida. Se desideri una bici biammortizzata veloce con pochi compromessi, questa è difficile da battere.

Quasi Come La S-Works

Perché dovresti aspettarti una bicicletta leader, così come la Epic Pro fornisce. Nella maggior parte dei casi preferiamo fare confronti con bici esattamente nella stessa identica fascia di prezzo, ma per evidenziare il valore, in questo caso, aiuta a confrontare per la S-Works Epic.

Il Guru ha un telaio in carbonio, esattamente come l’S-Works, ma il telaio in carbonio FACT 11m è un piccolo passo indietro (e leggermente più pesante) rispetto al FACT 12m sulla bici di fascia alta. Entrambe le bici utilizzano il sistema di sospensione Specializeds Brain 2.0 e gli ammortizzatori RockShox Micro Brain sono uguali tra le due bici. La forcella RockShox SID Brain 29 da 100 mm attorno all’Epic Pro presenta lo stesso ammortizzatore della forcella SID Brain Ultimate situata sul modello S-Works, ma le versioni Guru Brain 29 pesano un po’ di più perché ha una corona in alluminio (la forcella S-Works include una corona di carbonio).

Anche le ruote sono piuttosto simili. L’Epic Pro e l’S-Works forniscono entrambi cerchi in carbonio, ma i cerchi Roval Control attorno all’Epic Guru sono un po’ più pesanti dei cerchi Roval Control SL attorno all’S-Works. Il mozzo posteriore DT Swiss 350 trovato sull’Epic Guru include un coinvolgimento a cricchetto a stella a 36 denti, che può essere impressionante, ma significativamente inferiore rispetto ai 54 denti attorno all’S-Works. Tuttavia, probabilmente non sentirai molta differenza; entrambi partecipano super rapidamente.

SRAM XO Eagle è, dal punto di vista delle prestazioni, praticamente indistinguibile da XX1 Eagle. Trevor Raab
Specialized Epic Pro Dettagli Pro

Stile: Cross Country
Materiale : Carbonio
Viaggio: 100mm
Dimensione ruota: 74 cm
Forcella: RockShox SID Brain 29
Ammortizzatore : RockShox Micro Brian con valvola a spillo
Trasmissione: SRAM X01 Eagle
Pedivelle: Truvativ STYLO Carbon
Corona: 32t
Cassetta: SRAM XG 12 velocità, 10-50
Freni: SRAM Level TLM
Ruote: Roval Control Carbon, tubeless ready
Pneumatici: Specialized Fast Trak (6 cm davanti, 5 cm dietro)
Sella: Specialized Body Geometry Phenom Expert
Reggisella: Specialized Carbon, 30.9 Millimetri
Manubrio: S-Works Carbon Mini Rise
Attacco manubrio: Alluminio Specialized XC
Dimensioni massime del pneumatico: 29 x 2,3 pollici

Sulla carta ci sono alcune differenze notevoli tra Epic Pro e S-Works Epic, ma la differenza funzionale è minima. La trasmissione SRAM X01 non è elegante come la XX1 Eagle, ma sarà difficile riconoscere una differenza sul sentiero, anche se è un po’ più spessa della sorella più costosa. Tuttavia, l’Epic Pro si sente davvero vivace e veloce in salita, in particolare fuori sella. Dopotutto, nonostante i grammi in più nascosti qua e là, è ancora una bicicletta da cross country da 11 kg (taglia XL). Non solo è una gioia per l’assalto sulle colline, ma eccelle anche nel viaggio di ritorno, anche su sentieri ripidi e rocciosi dove penseresti che una bici XC a corsa breve sarebbe immediatamente superata con una bici da pista più lunga e più rilassata.

Specializzato

Famiglia epica

La famiglia Epic è ampia. Insieme all’Epic Guru, troverai altri sei modelli che vanno dalla degna S-Works Epic fino alla Womens Epic Comp Carbon a

5 cose che amiamo di Epic Pro specializzato

SRAM X01 Eagle

Ottieni prestazioni XX1 Eagle a una frazione del prezzo, così come i loghi corrispondono alla bici!

Facile accesso

La regolazione del rimbalzo e della dissolvenza cerebrale sulla corona facilita l’accesso in movimento.

Cerchi in carbonio

Le Roval Control Wheels sono leggere, veloci e abbastanza resistenti per la guida quotidiana.

Camera per due

Sembra semplice, ma non date per scontato che si possano inserire due bottiglie.

Cervello Dissolvenza

In questo caso solo un modo diverso, insieme alla regolazione dell’estensione, per mettere a punto la propria corsa.

L’Epic Expert fornisce quella che è probabilmente la proposta di valore più potente di tutta la famiglia. Per ottenere lo stesso identico telaio in carbonio Fact 11m di secondo livello, forcella e ammortizzatore RockShox Brain, nonché cerchi Roval Control Carbon (anche se con mozzi Specialized anziché DT Swiss) di questo Epic Pro. Inoltre è dotato di un cockpit in alluminio, ma avrai difficoltà a scoprire un vero divario di prestazioni. C’è, tuttavia, un divario molto percettibile quando si tratta della trasmissione SRAM GX Eagle. GX offre un cambio affidabile che puoi spingere davvero forte, tuttavia, il cambio è più goffo e meno preciso di X01 Eagle. Aggiunge anche un peso notevole, la maggior parte del quale deriva dal nastro, che aggiunge 97 grammi da solo, e dalle pedivelle Truvativ STYLO in alluminio. Ma quel trasferimento ti salva

Il sistema Brain 2.0 è una versione molto più elegante dell’originale. Trevor Raab

Nel caso in cui 100 mm di escursione non siano sufficienti, l’Epic EVO ti offre esattamente la stessa struttura Epic, ma sostituisce la forcella Rockshox Brain da 100 mm per te personalmente con 120 mm. Le biciclette Epic EVO sono inoltre dotate di articoli contagocce. Quelli variano nel prezzo dalla S-Works Epic EVO fino all’alluminio Epic Comp EVO.

L’Epic non aderisce alla tendenza long/low/slack che sta invadendo l’XC nella parte più orientata alla gravità di questo gioco. Dipende invece da una geometria XC più tradizionale. Specializzato

Arrampicata Vivace, Discesa Fluida

Indubbiamente la parte più bella di questa bici è la sua sospensione Brain 2.0. La funzione Autosag elimina le congetture per ottenere l’abbassamento giusto sull’ammortizzatore e la regolazione Brain Fade sia sulla forcella che sul sobbalzo consente di regolare facilmente la reattività della sospensione con quattro impostazioni che vanno dall’azienda all’apertura. Le valvole inerziali poste sul mozzo posteriore e all’interno della forcella avvertono le forze che provengono dalle ruote e quindi regolano la sospensione al volo regolando il flusso dell’olio all’interno dell’ammortizzatore. Essenzialmente le valvole bloccano l’ammortizzatore su un terreno liscio e lo aprono quasi immediatamente quando incontri un rigonfiamento. Al di là delle iterazioni non sono state incredibilmente fluide. Tuttavia, questo è molto efficace: si sente solido quando lo si desidera per un’arrampicata efficiente su terreni lisci,ma si apre quasi istantaneamente per assorbire gli impatti ripetuti durante lo strappo in discesa. Su un’altra bici XC a sospensione totale, faccio molto affidamento sulle leve di blocco remoto per ottenere quell’equilibrio, ma Brain 2.0 lo fa immediatamente da solo.

In una sola corsa ricevi il vantaggio di questa sospensione più morbida necessaria per l’arrampicata a bassa velocità da seduto, così come la piattaforma più solida necessaria per alzarti e distruggerla. Nella maggior parte degli scenari ti senti come se le ruote fossero più attaccate alla strada e la maneggevolezza delle bici sicuramente premia. È una cosa meravigliosa sentire che le gomme mordono la strada mentre ti dividi attraverso curve accidentate e rocciose a tutta velocità

Vivace ma eloquente, l’Epic Pro è tra le bici XC più equilibrate che abbia mai testato.

3 Caschi Per Gli Amanti Del Singletrack

Insta-Ready

Bell Sixer
Un supporto per fotocamera ti consente di catturare l’azione.